Festival is coming… Luca Usai

Nato a Guspini, in Sardegna, nel 1977, Luca Usai inizia ad appassionarsi al fumetto e all’animazione fin dall’infanzia, dopo aver visto il film La Spada nella roccia. Se da piccolo Usai dedicava a questo suo hobby molto tempo, con il passare degli anni le cose cambiano: ora tutto il suo tempo è dedicato al fumetto!

La formazione

La preparazione di Usai comincia nella Sardinian School of Comics di Cagliari e prosegue con un master in illustrazione presso lo I.E.D. (Istituto Europeo di Design) di Milano, dove si trasferisce nel 2006.

Nello stesso anno, viene selezionato per il corso di fumetto all’Accademia Disney, alla fine del quale entra ufficialmente a far parte della grande casa di produzione.

La carriera di Usai comincia però nel 1999, con l’iscrizione all’associazione Chine Vaganti. Primo disegnatore e colorista del gruppo, contribuisce allo sviluppo di Macchie d’Inchiostro, la testata dell’associazione.

Alla Disney

Dal 2007 inizia la collaborazione con Topolino, fumetto che leggeva da quando aveva solo dieci anni. Per il celebre settimanale realizza non solo storie, ma anche redazionali, copertine e progetti per i gadget allegati. Sulla stessa testata disegna diverse storie in collaborazione con Roberto Gagnor, molte delle quali vedono la parodia in chiave disneyana di vip italiani come Gerry Scotti, Carlo Conti e Lillo&Greg.

Nello stesso anno Usai lavora per Disney Italia alle illustrazioni di Toy Story Magazine, iniziando a cimentarsi nell’adattamento a fumetti dei lungometraggi. Il lavoro prosegue con la realizzazione di diverse graphic novel ispirate ai film di animazione Disney e Pixar, tra cui Up, La Principessa e il ranocchio, Rapunzel e Cars 2.

Sempre per la Disney realizza, a partire dal 2016, la versione a fumetti del reboot della celebre serie DuckTales. Le storie sono pubblicate non solo in Italia, ma anche negli Stati Uniti (distribuite dalla IDW) e in ambito internazionale.

Un disegnatore eclettico

Usai non collabora solo con Disney Italia, ma con numerose case editrici. La prima è Gaghi Editrice, per la quale realizza le storie a fumetti per il mensile Prezzemolo. Insieme a Daniele Mocci, autore dei testi, crea Super Pro e Marcello&Sofia. Dal 2008 al 2015 disegna la serie Bruno il Maialino con i testi di Fabrizio Lo Bianco. Le storie sono pubblicate da Edizioni San Paolo per la collana GBaby.

Per la Red Whale realizza invece le illustrazioni della serie Gatti Pirati e per i Grandi Classici di Geronimo Stilton, collana di parodia e riadattamento dei grandi classici della letteratura. Dal 2012 al 2016 cura i tredici libri per ragazzi de I Supertopi, con protagonista sempre Geronimo Stilton, ma pubblicati da Piemme.

Dal 2007 inizia anche la collaborazione con il quotidiano L’Unione Sarda, per il quale realizza alcune vignette pubblicate nell’inserto L’Unione Satira. Dal 2011 cura invece le illustrazioni dei volumi a fumetti NORMALMAN – Le origini e Tutti contro Normalman. Le  avventure del supereroe più normale di tutti i tempi hanno i testi di Lillo, del duo comico Lillo&Greg, che aveva già portato il personaggio in radio, nella trasmissione 610 di Radio2 e sul piccolo schermo, sul canale K2 di Sky.

Dal 2015 lavora per il giornale di strada Scarp de’ Tenis, per il quale cura una serie di strip intitolate Paputsi. Realizzate in collaborazione con il disegnatore Gianfranco Florio e lo sceneggiatore Davide Barzi, le vignette hanno per protagonista una scarpa da tennis trasandata ma carismatica, inserita in un mondo popolato unicamente da calzature che, però, si comportano esattamente come esseri umani.

Nel 2016, sempre in collaborazione con Davide Barzi, pubblica i due volumi Jorge Sánchez & Dragòn LI per IT Comics. Ambientata ad Arica, in Cile,nel 1960, la storia segue le vicende dello sfasciacarrozze Jorge Sánchez e di Dragòn LI, cinquantunesimo drago della sua stirpe. La capacità di quest’ultimo di secernere, se minacciato, sostanze allucinogene porterà i due nel mirino di un’associazione di narcotrafficanti.

The following two tabs change content below.

Lascia un commento