Suggerimenti per l’estate… Il piccolo Caronte di Sergio Algozzino e Deborah Allo

“Tuo padre è scomparso. E tu dovrai prendere il suo posto.”
“Ma io sono solo un bambino.”

Caronte, il traghettatore delle anime dell’Inferno, è scomparso in circostanze misteriose; ha abbandonato il suo ruolo, lasciando ogni responsabilità in eredità a suo figlio Mono. Il bambino, che ha trascorso tutta la sua lunghissima vita immortale solo a giocare e a divertirsi, deve intraprendere un viaggio per acquisire le giuste conoscenze che gli consentiranno di sostituire il padre.

Il graphic novel Il piccolo Caronte di Sergio Algozzino e Deborah Allo, edito dalla Tunué, è un romanzo di formazione in cui vengono trattati temi forti con una leggerezza tale da rimanerne incantati.

Trovandoci nell’Oltretomba, ci aspetteremmo che sia governato da concetti quali il Bene e il Male, distinti in maniera netta. Eppure, non è così. L’Oltretomba è un mondo a sé, in cui ognuno ha un ruolo ben preciso, talvolta millenario, o come in questo caso, tramandato di padre in figlio.

Il cammino di Mono, diviso in tre parti, è necessario per riscoprire il proprio io e per raggiungere la consapevolezza, data dall’interazione con l’animo umano e con la vita stessa, al fine di comprendere come ricoprire quel ruolo al meglio e saper accogliere i morti.
Vita e Morte, infatti, sono due facce della stessa medaglia, in un mondo dove ognuno ha il suo compito, proprio come un ingranaggio.

Le vignette infrangono le regole classiche, restituendoci un nuovo stile di concepire una tavola a fumetti, rinnovata e carica di emozioni. La tecnica ad acquerello conferisce un’enfasi poetica che, in un perfetto connubio con lo storytelling, trascina il lettore lungo un percorso di crescita e maturazione di pari passo con Mono.

La varietà di colore e la modifica dei toni a seconda dell’ambientazione che fa da contorno al viaggio, contribuisce a valorizzare la lettura: l’Oltretomba è un luogo cupo e oscuro, il mondo reale è caldo, vivace e solare, e infine, quando si parla del concetto di morte, ecco una dimensione resa solo con il bianco e nero. Una tecnica che valorizza il racconto, e che emerge al suo massimo potenziale soprattutto nelle splash-page, singole o doppie.

Il Piccolo Caronte è un’opera con una ricchezza di tematiche e spunti di riflessione, con svariate citazioni dal mondo moderno, che strizza l’occhio allo stile animato di Tim Burton. Consigliatissima.

The following two tabs change content below.

Azali

Ha ventidue anni da un po' e ha tutta l'intenzione di non spostarsì da lì per molto tempo. Fin da bambina era l'incubo dei suoi compagni di gioco perché ogni giorno aveva una storia nuova da mettere in scena e, crescendo, non ha fatto altro che peggiorare. Passa le giornate tra libri, anime e serie tv e anche tra film e videogiochi. Ha più volte pensato di vendere l'anima al diavolo per poter fare a meno di dormire, così da avere più ore libere per le sue passioni. Ideatrice di avventure di ogni genere, combatte ogni giorno con le varie personalità che abitano il suo corpo affinché riescano a condurla sana e salva verso i suoi obiettivi: scrivere, scrivere e scrivere.

Lascia un commento